• Giancarlo Pavan

Mi insegni come si ama?

Ci facciamo spesso domande sull'amore, parola difficile e bellissima che ha in sè i semi dell'eternità, chi vive l'amore nelle sue infinite forme e sfumature anche solo per un istante non è più la stessa persona. A-mors sembra essere l'etimologia antica della parola che significa la NON MORTE, l'eterno.

Nei Vangeli l'Amore è sinonimo di vita, appunto di non morte, perchè chi ama ha la vita eterna. Anche per un non credente l'esperienza di un amore vissuto in pienezza porta a sperimentare uno spazio-tempo diverso, una dimensione dell'esistenza che dà senso a tutto.

Ma è anche così facile banalizzare l'amore, quando lo si intende solo come realtà legata al piacere fisico o quando è solo sentimentalismo fine a sè stesso e legato unicamente alle relazioni umane.

L'amore universale invece, e qui va scritto con la A maiuscola perchè secondo una accezione divina, l'amore per ogni creatura che si traduce nel profondo rispetto per ogni forma di vita e include la relazione con tutto il regno, vegetale e animale, con il cielo e il mare, i venti e ogni forma della natura.

In questo l'uomo allora assomiglia più a Dio come nel libro dei salmi viene cantato splendidamente, preludendo a una sinfonia cosmica di lode:


O Signore, nostro Dio, quanto è grande il tuo nome su tutta la terra: sopra i cieli si innalza la tua magnificenza. Con la bocca dei bimbi e dei lattanti affermi la tua potenza contro i tuoi avversari, per ridurre al silenzio nemici e ribelli. Se guardo il tuo cielo, opera delle tue dita, la luna e le stelle che tu hai fissate, che cosa è l'uomo perché te ne ricordi e il figlio dell'uomo perché te ne curi? Eppure l'hai fatto poco meno degli angeli, di gloria e di onore lo hai coronato:


salmo 8, 2-6


Mentre scrivo questo post sono costretto a letto da una influenza, ho la mia piccola Mou vicino (Mou è la mia cucciola femmnina di segugio che ho da poco, dopo la morte della amata Susi)

Lei sta vicino a me in tutto, mi appoggia le zampette sottili sul petto e mi guarda con il suo musetto delizioso un po' preoccupata per me. Poi respira profondamente e si mette al mio fianco abbandonandosi a un sonno tranquillo.

Ecco dove l'amore è visibile nelle piccole cose, così come quando chi ti sta vicino fa qualcosa con il cuore per te, perchè tu stia meglio.

Allora mi vien voglia di chiederle: mi insegni ad amare? perchè a volte mi rendo conto che nonostante i tentativi continui non siamo mai abbastanza capaci di un amore vero.

Il suo è un amore molto semplice e fedele, la sua più grande gioia è stare vicino a me, correre con me, salire le montagne con me, scendere sulla neve con me, dormire accanto a me.


Riprendendo le parole del salmo 8, siamo stati incoronati di gloria, fatti quasi come angeli, significa che abbiamo un grande peso nell'Amore di cui è costituita tutta la Creazione, ma la condizione è giustizia e amore,

Non c'è nulla di casuale in tutto quello che ci circonda, anche dove sembra regnare solo caos, possiamo star certi che una logica, sebbene sconosciuta, cè. Possiamo e dobbiamo interpellare la luna e le stelle, i nostri cani, gatti, cavalli, animali di ogni specie, trovare un contatto intimo e personale con gli spazi del mare e i silenzi, le altezze delle montagne, solo così avremo risposta alle nostre domande sull'amore.

Comprendere che se non amiamo il tutto non possiamo nemmeno amare il singolo, ci è chiesta una disponibilità a naufragare nella comprensione razionale delle cose per sposarne invece l'essenza più nascosta.

L'amore vero e universale infine comprende due elementi molto cari al Buddhismo che sono alla base del comportamento verso le altre creature: COMPASSIONE e DISTACCO.

Compassione significa entrare in un dialogo amoroso con le creature, noi compresi, con profondo rispetto e comprensione della sofferenza che ogni essere deve affrontare a causa delle condizioni naturali della vita, superandole con il distacco che impedisce di esserne succubi.

L'Amore infatti è possibile solo nella più totale libertà dell'essere.





329 visualizzazioni
@2017 - Giancarlo Pavan - domusartstudio   info@gikopavan.com