• Giancarlo Pavan

Cane e uomo: una relazione antica ed unica

Aggiornato il: 15 gen 2018

C'è chi tiene il cane in giardino o in garage,una volta, ma anche ora alla catena in campagna, qualcuno compra i vestitini fu-fru e magari anche le scarpette. Poi ci sono quelli che li mangiano pure, tanto si tratta di bestia comunque e quindi si può anche mangiare...

E ci sono le Perreras spagnole dove i cani vengono massacrati, usa e getta. I cacciatori spesso li abbandonano se non van bene per la caccia e alcune persone dopo dieci anni di convivenza li abbandonano in qualche canile.

Ma chi ha veramente la consapevolezza di cos'è veramente un cane e di quale miracolo sia fatta la relazione millenaria con l'uomo? Questo uomo che sopraffatto dal suo egoismo e materialismo non sa più vedere nelle profondità dello spirito, ha perso la relazione con il creato, con le molteplici creature che costituiscono l'immensa varietà dell'universo, così si è fatto sordo al linguaggio non verbale che le forme della natura parlano incessantemente.

A dire che il cane è amico dell'uomo si dice poco o nulla, perchè in questa relazione si scopre, entrando in profondo ascolto che non è nemmeno semplice amicizia ma una vera alleanza creaturale. Il sentire del cane e dell'uomo si intrecciano profondamente, si intersecano, interagiscono. Il dominio stupido dell'uomo annulla la relazione che è fatta di stupore, rispetto, comprensione vera. Scopriamo di potere e dovere entrare in ascolto degli esseri viventi.

Condividere la propria vita con un cane significa instaurare un dialogo non verbale ma potentissimo, con l'anima antica del lupo, che prima di essere demonizzato, in epoche non lontane dagli uomini, e poi sterminato, è stato il migliore alleato per la sopravvivenza fin dai tempi più lontani. Mi prendo la responsabilità di affermare che chi non entra in totale relazione con un cane, avrà perso la parte migliore. Se volete vivere le più grandi emozioni con il vostro amico, non andate a cercare le razze selezionate, non fatte divenire il cane un prolungamento dei vostri desideri di affermazione, magari spingendolo alle gare, alle esposizioni e quant'altro. Non tenetelo in garage o in giardino separato da voi, non legatelo a catena, non usatelo per fare la guardia unicamente, non usatelo per niente. Vivetelo, amatelo e ringraziate di continuo, siate grati per averlo vicino a voi, portatelo con voi ovunque, non perdete tempo prezioso per essere felice con lui. Il tempo di un cane è breve e rimpiangerete per sempre i giorni migliori trascorsi insieme.


..e il mio cuore si espande in quei silenzi... tutta la mente e il cuore, i sensi, vivono di una pace che non ha ragioni nè motivi, e solo il respiro della vita nella sua strapotente bellezza. La piccola cucciola lo ha già compreso e pur lo insegna...



93 visualizzazioni
@2017 - Giancarlo Pavan - domusartstudio   info@gikopavan.com